www.libellulaitalia.com-Home-www.libellulaitalia.com

www.libellulaitalia.com-Home-www.libellulaitalia.com
www.libellulaitalia.com

ULTIMI EVENTIsincul

 Save_the_Date_Evento_Cav_Lucha_y_Siesta








_______________________________Incontro pubblico di sensibilizzazione
I PERCORSI DI VITA E DI IMPRESA
DELLE PERSONE TRANSGENDER
Giovedì 9 Settembre 2021
 Ore 17.30 – 19.00
Villetta Social LAB –Via degli Armatori, 3 00154 Roma (Garbatella)

https://www.facebook.com/Liberdifareimpresa-104783671723718GRAZIE A LIBELLULLA E ALLA PREZIOSA COLLABORAZIONE DI CIRSES E CORA ROMA 
ABBIAMO LA POSSIBILITA' DI METTERE A DISPOSIZIONE DELLE PERSONE TRANS* E TRANSGENDER UN PERSORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE ALL'AUTOIMPRENDITORIA.
UN PROGETTO PROMOSSO DALL'UNAR 
Se è interessat* a partecipare alle iniziative gratuite che offriremo, ci scriva all’indirizzo servass.libellula@gmail.com
seminario "non binary : saper vedere il genere"
il 17/10/2020 dalle 11,00 alle 13,00
presso La casetta rossa viA GIOVANNI BATTISTA MAGNAGHI, 14 00154 - ROMA

Si parlerà di:

Non binary: definizione lessico e linguaggio - Binarismo, non binarismo e genere
 non binary: la ri-emersione del soggetto politico imprevisto

ATTIVITA' ASSOCIATIVE 20/21
FOTO_LOCANDONA
guardami



 





All’interno del movimento Trans si stanno palesando persone di notevole spessore umano e politico, il comitato promotore della campagna “Guardami” ne è la dimostrazione.

“Guardami,

Sono quella persona che viene umiliata anche quando muore.

Che viene considerata una minaccia per la società, per avere un nemico da incolpare.

Sono un oggetto sessuale.

Guardami

Ho pensieri

 E rabbia

Ed un corpo intoccabile

Diritto alla salute

Diritto al lavoro

Diritto alla casa

Diritto di occupare gli spazi

Diritto alla vita

Diritto all’identità

Guardami è il concept di una campagna che riporta lo sguardo sul reale, senza filtro dei media.

Guardami è una campagna fatta per toccare, accorciare le distanze della rappresentazione dei mezzi di comunicazione.

Guardami richiama all’intimità dove restano solo gli occhi e ad una parità di sguardi.

Obbliga chi guarda ad affrontare quello che ogni giorno non vuole vedere. Questo è un fattore diventato vitale di fronte all’indifferenza e alla disumanità che stiamo vedendo crescere ogni giorno.

Lo spazio di inquadratura che si richiede alle persone che aderiranno – primo piano su sfondo bianco – non permette allo sguardo di distrarsi. Non vi sono oggetti con cui si è sempre sostituito o identificato le persone transgender, non binarie, intersex e non conforming.

L’imperativo è dolce ma inevitabile. La dimensione del rapporto ravvicinato, della dimensione delle spalle, delle mani, delle proporzioni del prossimo e del simile e del diverso e del non conosciuto vengono messi nuovamente in una dimensione che li rende desiderabili.

“Guardami” è l’idea base di una campagna che vuole spingere l’osservatore a farsi davvero padrone e artefice del proprio sguardo. L’idea è di far capire che lo sguardo della società non è educato a vedere realmente.

La campagna inizierà con un collage di primi piani, sguardo in camera, sfondo monocolore, per poi svilupparsi in storie Instagram dove ogni persona si racconterà con degli oggetti significativi. Questo creerà intimità con chi guarda ed allenerà lo sguardo a cambiare prospettiva. È nei particolari che si nascondono la reale conoscenza e comprensione. E sono questi aspetti che fanno superare pregiudizi e odio.

Consapevoli  che anche la parola ha il suo potere, i promotori della campagna invitano le persone trans, non binary, intersex e non conforming a condividere pensieri, esperienze, richieste, messaggi.

La speranza è che da questa campagna scaturisca una elaborazione collettiva della coscienza di movimento, se non un manifesto collettivo.

Guardami è la parola che restituisce visibilità e carattere di realtà alle persone coinvolte.

Guardami può essere il nuovo primo passo di un movimento che deve guardarsi e dirsi con i propri corpi e parole.”
 

leila_guardami

Erano solo quattordici…
#guardami, sono una sopravvissuta, scampata alla Morte. Avevo ed ho ancora tanto da fare.
Non ce l’hanno fatta quattordici coltellate a cancellarmi da questa vita e da questa vita io non mi aspetto niente, non ho paura di niente, perché sono una persona libera.
#guardami, io non ho paura neppure della Morte, perché l’ho già vista bene in faccia quel giorno di venticinque anni fa. Tanti quanti sono, finora, gli anni d’attesa per avere i nostri diritti riconosciuti da uno Stato che ha il dovere di tutelarci, per la nostra autodeterminazione.
#guardami, sono Leila Daianis e sono una donna trans!


 





samantha_guardami

Ho sempre avuto paura.
Paura per la barba che non cresceva, per il mio corpo che non si definiva, sono cresciuta nascondendomi, non ho vissuto la mia infanzia, la mia giovinezza per paura di essere chiamata “Mostro”
#guardami, io sono una donna intersex
#guardami, io sono Samantha e adesso non ho più paura.






 

 




QUANTO VALE E QUANTO SERVE LA VITA DI UNA PERSONA TRANS*?

Dopo i fatti accaduti negli ultimi giorni a Roma e l’articolo sul quotidiano “La Repubblica” intitolato: “Roma, transessuale trovata senza vita in un piazzale a Tor Sapienza”, vorrei chiarire che, secondo me, chiunque prima di rilasciare qualsiasi intervista, per evitare strumentalizzazioni, dovrebbe conoscere bene i fatti, e poi, dopo averlo accertato, casomai dichiarare che “potrebbe trattarsi di Transfobia”. Perché sulla transfobia non si scherza. La transfobia è di fatto molto complessa poiché riguarda una serie di atteggiamenti, sentimenti o azioni negative, discriminatorie o pregiudizievoli nei confronti di persone transgenere o persone percepite come tali, e le persone trans* la subiscono ogni giorno, soprattutto le sex-worker, le persone trans* anziane e le disabili, perché sono le più vulnerabili; tra queste persone, molte si rivolgono alla nostra associazione e noi cerchiamo di poter dare una risposta ai loro bisogni.
Lo Stato Italiano dovrebbe chiedere la collaborazione delle Associazioni su tutto il territorio nazionale proprio perché sono le associazioni che si occupano delle istanze delle persone LGBTQIA+, ed anche per far sì che le leggi contro l’omolesbobitransintersexafobia, la discriminazione di genere, l’orientamento sessuale e la misoginia possano essere efficaci, imparziali e non discriminanti. Si dovrebbe attuare da parte delle Istituzioni un piano progettuale, finalizzato all'accoglienza e tutela di persone in condizione di vulnerabilità che subiscono oppressioni e violenze sociali e domestiche; erogando finanziamenti per progetti volti a istituire centri di accoglienza, percorsi formativi d’inserimento nel mondo del lavoro e campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica. Tutte le Associazioni LGBTQIA+ dovrebbero usufruire di questi fondi, con un accesso più snello e meno burocratico. Lo Stato dovrebbe supervisionare l’accesso ai bandi, per esempio, ed evitare che siano sempre e solo alcune associazioni, privilegiate, a farla da padrone. L’Associazione Libellula lavora nel campo del sociale a sostegno delle persone trans* da 22 anni; abbiamo costatato che, ogni qualvolta si deve approvare una legge dove siano presenti istanze per i diritti anche delle persone trans*; ogni volta che si istituiscono dei bandi per progetti a sostegno alle persone trans*, succede il finimondo nella comunità LGBTQIA+ e, ultime nella fila degli ultimi, le trans* sex-worker diventano “carne da macello”; le Associazioni anziché unirsi per un bene comune della nostra comunità, scatenano una guerra tra poveri senza fine; alcune, che tanto povere non lo sono, cercano di scavalcare le piccole associazioni screditandole, come se non avessero mai fatto nulla per la comunità trans*. L’associazione Libellula negli anni ha realizzato progetti concreti al fine di garantire alle persone trans* un percorso formativo e professionale, per far sì che le persone trans* possano condurre una vita dignitosa, con finanziamenti privati.
Libellula condanna qualsiasi tipo di speculazione sulla pelle delle persone trans* che non sono più in vita. Dobbiamo supportare queste persone mentre in vita ci sono, trovando e realizzando ogni forma d’inserimento nel tessuto sociale e lavorativo. Garantendo una casa, un lavoro, sostegno allo studio, diritto alla salute; un progetto di autonomia e cittadinanza attiva, non di emarginazione e stigma.
Dobbiamo ancora lottare, per far sì che la morte di una persona trans* abbia giustizia e che venga fatta luce sulla verità, in caso contrario non sapremo mai se la morte di una persona trans* è dovuta a suicidio, omicidio, morte naturale o transfobia; una cosa è certa in questi giorni la vita di una persona trans*, vale ben poco, tuttavia forse serve a qualcuno.

Roma, 27/07/20

presidente LIBELLULA APS ITALIA
Leila Pereira Daianis

http://www.facebook.com/story.php?story_fbid=2604622696443506&id=1590648941174225&scmts=scwspsdd&extid=ZzqnXZAS3hZCSuJz

 

INFOTRANS.IT

Il portale istituzionale dedicato al benessere e alla salute delle persone transgender

ISS ha lanciato uno studio sulla salute delle persone trans, con un questionario completamente anonimo, suddiviso in due moduli.
tramite un flyer, contenente un codice per accedere al portale.
__________________________________________________
__________________________________________________________________________________________


L'ASSOCIAZIONE LIBELLULA VI INVITA ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO 

CICLO DI ARCANGELO GABRIELLA
DI MARLEIDE LINS

IL 2 FEBBRAIO ORE 18 

PRESSO: CIRCOLO DI CULTURA OMOSESSUALE  MARIO MIELI

DICONO DI NOI. GIORNALI E DINTORNI 

CONFERENZA STAMPA DEL 19.11.2019

http://www.ansa.it/canale_viaggiart/it/regione/lazio/2019/11/19/mostre-tdor-2019-con-libellula-per-non-dimenticare_994a329c-a913-4276-b43f-a2b539031af1.html

http://www.le-ultime-notizie.eu/articulo/inserire-transessuali-e-transgender-nel-mondo-del-lavoro/5417938

https://corrieredisiena.corr.it/video/tv-news/1294211/libellula-e-procter-gamble-insieme-contro-la-transfobia.html

https://corrieredirieti.corr.it/video/tv-news/1294215/libellula-e-procter-gamble-insieme-contro-la-transfobia.html

https://corrieredellumbria.corr.it/video/tv-news/1294209/libellula-e-procter-gamble-insieme-contro-la-transfobia.html

http://www.gazzettadiroma.it

http://www.womenews.net/roma-il-19-novembre-presentazione-del-progetto-tdor-2019-transformazione-promosso-dallassociazione-libellula

https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/11/19/foto/le_vittime_dell_odio_e_del_pregiudizio_anti-transgender-241437977/1

https://stream24.ilsole24ore.com/video/italia/libellula-e-procter-gamble-insieme-contro-transfobia/ACYP22z

https://tv.iltempo.it/tv-news/2019/11/19/video/libellula-e-procter-gamble-insieme-contro-la-transfobia-1242731

https://notizie.tiscali.it/politica/articoli/mostre-tdor-2019-libellula-non-dimenticare-00001

https://youtu.be/CoaBrG36vhM

9fb895bd6e3cdcea674fd2a55ae4612c8879f506398c051a725c87ac8240bde8f2c1454bf2c20f032dc2d7ced1376be5


  




IMG_20191119_161657_156IMG_20191119_161657_170IMG_20191119_161657_168

LEILA PEREIRA DAIANIS - presidente associazione Libellula
SAMANTHA TRAPANOTTO - vicepresidente associazione Libellula
VALERIA CONSORTI - Direttore marketing P&G
LAURA IANNUZZI - Assistant Brand Manager Pantene Italy


Le diversità sono ricchezze       
IMG-20190429-WA0003_(1)LINEA AMICA ASSOCIAZIONE LIBELLULALUNEDI'
dalle ore 10.00 alle ore 12.00  e  dalle ore 15.00 alle ore 17.00
MARTEDI'
dalle ore 17.00 alle ore 20.00
MERCOLEDI'
dalle ore 16.00 alle ore 18.30

LIBELLULA_linea
SPORTELLO DI PRIMA ACCOGLIENZA
MARTEDI'
DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 20.00 ( previo appuntamento telefonico o email )
CELL. 331/8380140
email : infolibellula.roma@gmail.com

ROMA PRIDE 2022

L'intervento della presidente dell'Associazione Leila č sulla nostra pagina Facebook.

WhatsApp_Image_2022-06-21_at_16.30.38

WhatsApp_Image_2022-06-21_at_16.32.34_(2)
WhatsApp_Image_2022-06-21_at_16.32.31








 
 

PER LE VOSTRE DONAZIONI



Diapositiva1







 








 

Invia un messaggio

Facebook
Email
Instagram